Amleto nella fossa

amleto

Testo a cura degli allievi del Corso di Recitazione della Scuola Giovanni Poli
Regia a cura degli allievi e Stefano Pagin

Interpreti: Alvise Gioli, Angelo Mazza, Arianna Mazzone, Martina Sosio, Isabella Sponchiado, Asja Skatchinski, Vittorio Tommasi, Laura Venturini

“Amleto, nel suo più celebre monologo, accorgendosi della presenza di Ofelia, termina così: “soft you now”, che alcuni traducono con “calmati, ora!” o “adesso fa’ silenzio!”. Se sia più nobile, in questo periodo storico, il silenzio o impugnare armi e combattere, sembra essere diventato il punto della questione.
Me ne sarei rimasto zitto volentieri, ma vivo in una comunità di teatranti e molti vogliono provare a resistere. Una mia collega e insegnante alla scuola di recitazione Giovanni Poli ha letto scritta sopra una borsa della spesa la frase: “faccio teatro per legittima difesa”.
Quest’anno dopo il lockdown abbiamo avuto molte defezioni, alcuni studenti sono dovuti tornare alle loro regioni di origine e trovarsi un lavoro, ma quelli rimasti, con molta ostinazione hanno voluto portare a termine il percorso incominciato a novembre e bruscamente interrotto, in barba alle mascherine, al distanziamento e ai guanti. Resto convinto che il teatro non si possa fare così, ma qualcosa, e questo è merito dei ragazzi, ne è uscito. Storto, bislacco, buio, ma è uscito. E Amleto che si dibatte nel dubbio se sia meglio stare fermi o agire è forse il testo che meglio descrive la situazione che stiamo vivendo.”

INGRESSO LIBERO SU PRENOTAZIONE


NORME DI SICUREZZA

I posti a sedere saranno distanziati e la capacità del teatro ridotta

Obbligatorio l’uso della mascherina (non fornita dal teatro) che dovrà coprire correttamente naso e bocca

All’ingresso le persone in fila dovranno mantenere le distanze prescritte

L’ingresso sarà scaglionato: una persona alla volta, a senso unico

Verrà misurata la temperatura

Sarà presente un dispenser per sanificare le mani

NELLA PRENOTAZIONE INDICARE PER OGNI PERSONA: nome, cognome, indirizzo e numero di telefono

Al Teatro a l'Avogaria
sabato 11 luglio 2020, ore 21.00
domenica 12 luglio 2020, ore 18.30

Prenotazioni
041.0991967 | 335.372889
prenotazioni@teatro-avogaria.it

Categorie: In evidenza, Prossimamente, Spettacoli